Canapa sativa: cos’è, proprietà e benefici

Canapa Sativa: cos'è, proprietà e benefici

La Canapa Sativa è sicuramente la varietà più diffusa, in particolare grazie alla bassa quantità di Thc, quasi assente: per questo motivo è coltivata e utilizzata soprattutto dall’industria tessile ed edile, oltre che per la produzione di carta e per l’estrazione dei suoi derivati come l’olio e i semi.

Questa pianta proviene dalle zone più calde del pianeta, quelle vicine all’equatore, in cui le ore di esposizione solare giornaliera si mantengono quasi uguali durante l’anno. Questa particolarità ha conferito speciali caratteristiche alla sativa, che si presenta come poco cespugliosa e più ariosa, donando maggiori fioriture e rese produttive più lunghe rispetto alle altre varietà.

Canapa sativa: una pianta dalle innumerevoli proprietà

Il motivo per cui viene utilizzata nei settori più disparati è che la varietà sativa ha proprietà innumerevoli. Viene dunque sfruttata nel settore edile, nell’industria cartaria, ma anche in quella tessile. Inoltre, grazie ai semi e all’olio, è sempre più impiegata nell’industria alimentare e in quella cosmetica.
La canapa sativa ha proprietà uniche grazie ai suoi principi attivi benefici: è ricca di acidi grassi, Omega-3 e 6 e acido linoleico, ma anche di vitamine come la A, la E e le vitamine del gruppo B. L’apporto proteico, per quanto riguarda i semi, è davvero elevato, cosa che gli conferisce un ruolo d’eccellenza nel settore alimentare e della cosmesi.

Olio di canapa sativa: sia in cucina che per uso cosmetico

L’olio di canapa sativa si ottiene dalla spremitura a freddo dei semi. Può essere utilizzato in cucina come un qualsiasi altro olio, anche se è preferibile utilizzarlo a crudo per sfruttarne tutte le proprietà benefiche. Dal tipico sapore di nocciola e dal colore verde intenso, l’olio di canapa è particolarmente aromatico. Conosciuto per le sue proprietà antiossidanti e analgesiche, è caratterizzato dall’elevata quantità di Omega 3, Omega e acido linoleico.
Da non sottovalutare l’uso cosmetico: pregiato elisir di bellezza, l’olio di canapa è sempre più impiegato dall’industria cosmetica nella produzione di creme e unguenti d’élite dall’effetto anti-age, per rendere la cute elastica e soda. Fantastico rimedio contro acne, psoriasi e rossori.

Semi di canapa sativa: un vero superfood

I semi di canapa sativa, ottenuti dall’omonima pianta, sono un alimento completo, anche detto superfood, grazie agli straordinari valori nutrizionali. Sono consigliati a chi segue un regime dietetico vegetariano o vegano. Infatti, per il 25% sono composti da proteine e 8 aminoacidi essenziali per la sintesi proteica.
Da non dimenticare le vitamine i sali minerali contenuti come ferro, calcio, magnesio, potassio, fosforo, grassi di cui Omega-3 ed Omega-6 e la lecitina, sostanza che aiuta l’organismo a metabolizzare i grassi e le sostanze nutrienti.
Gli acidi polinsaturi possono aiutare a prevenire disturbi come l’arteriosclerosi, il colesterolo e addirittura malattie del sistema respiratorio (ad esempio asma, sinusite e tracheite), eczemi e acne. Dal sapore gradevole, in cucina possono essere utilizzati per condire insalate oppure, se macinati finemente, possono essere utilizzati per ottenere una farina proteica.

Canapa Sativa: benefici da non sottovalutare

Come già accennato, la canapa sativa offre benefici da non sottovalutare. Si tratta di un ottimo rimedio naturale per curare pelle e capelli. In commercio sono numerose le proposte: presente in creme e cosmetici vari, l’olio di Sativa è un ingrediente per prodotti di lusso, anche se nulla vieta di utilizzarlo puro con i classici rimedi fai da te.

Infatti, essendo ricco di acidi grassi e acido linoleico, oltre che di vitamine e minerali, è un ottimo rimedio per curare la pelle secca e disidratata. Inoltre, grazie alle sue proprietà lenitive, antibatteriche e antinfiammatorie è un’ottima cura in caso di eczemi e di pelle particolarmente grassa.

Può essere utilizzato da solo, spalmando fino all’assorbimento qualche goccina di olio su pelle umida, oppure mischiato ad altri oli vettore, ovvero oli più leggeri di più facile assorbimento, sempre su pelle umida.

Ottimo anche per capelli secchi: per una cura intensiva basterà massaggiare su cute e lunghezze precedentemente inumidite qualche goccia di olio di canapa sativa, lasciando in posa un’oretta, per poi procedere con uno shampoo non aggressivo. Grazie alla presenza di grassi e di Omega-3 e Omega-6, se massaggiato sulla cute, l olio di canapa sativa stimola la crescita dei capelli e aiuta a renderli più forti, lucidi e meno aridi.

Canapa Sativa: coltivazione

La canapa sativa è una pianta brevidiurna ed il suo sviluppo vegetativo giunge a termine durante i giorni estivi. Quando poi, a fine stagione, le ore di luce cominciano a diminuire progressivamente, la pianta di Sativa inizia a fiorire. Il numero minimo di ore di luce necessario alla fioritura va dalle 12 alle 14 ore.
Normalmente, e in modo particolare per le varietà medicinali, la coltivazione della canapa sativa avviene in ambienti indoor, ovvero luoghi di coltivazione artificiali in cui viene aumentato il periodo di esposizione alla luce, che a volte può raggiungere anche le 24 ore.
Le infiorescenze femminili e le foglie sono le principali fonti di principi attivi. A differenza delle altre varietà, la sativa si presenta come una pianta cespugliosa e più ariosa, oltre ad essere quella che raggiunge le dimensioni più imponenti, con periodi di fioritura più lunghi e rese produttive più elevate. Nelle foglie di Sativa c’è una maggiore concentrazione di Thc e una minor quantità di Cbd, altro cannabinoide non psicoattivo presente in grandi quantità nella canapa. Ha dunque effetti stimolanti, motivo per cui la sua coltivazione è impiegata per produrre derivati a scopo terapeutico.

Recommend
Share
Tagged in